La Guerra del M23


Da mesi il gruppo ribelle M23 è tornato a imperversare nell `est della Repubblica Democratica del Congo .

Si dice sia finanziato dal governo ruandese , indispettito dai favori concessi ai vicini ugandesi.

Quattro mesi dopo la caduta di Bunagana, un centro importante al confine tra la RDC e l Uganda, i ribelli del Movimento 23 marzo (M23) continuano ad avanzare verso Goma ( il 13 novembre erano fermi a una ventina di chilometri dalla città ) .

Il presidente keniano Uhuru Kenyatta e il presidente ruandese Paul Kagame hanno chiesto al M23 un cessate il fuoco e il ritiro dai territori conquistati nell est Congo . Ieri truppe keniote sono arrivate nella repubblica democratica del Congo.

La ribellione dell’M23 è stato un conflitto armato nel Nord Kivu , nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), avvenuto tra il Movimento 23 marzo e le forze governative. La ribellione faceva parte dei continui combattimenti nella regione dopo la fine formale della seconda guerra del Congo nel 2003. È scoppiata nel 2012 ed è continuata nel 2013, quando è stato stipulato un accordo di pace tra undici nazioni africane e le truppe dell’M23 si sono arrese in Uganda .

Nell’aprile 2012, ex soldati del Congresso nazionale per la difesa del popolo (CNDP) si sono ammutinati contro il governo della RDC e il contingente di mantenimento della pace della Missione di stabilizzazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica democratica del Congo (MONUSCO). Gli ammutinati formarono un gruppo ribelle chiamato Movimento 23 marzo (M23), noto anche come Esercito rivoluzionario congolese. Era composto da ex membri del ribelle CNDP e presumibilmente sponsorizzato dal governo degli stati confinanti del Ruanda e dell’Uganda .

Il 20 novembre 2012, i ribelli dell’M23 hanno preso il controllo di Goma , capoluogo della provincia del Nord Kivu con una popolazione di un milione di persone. [16] Entro la fine di novembre di quell’anno, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, il conflitto aveva costretto più di 140.000 persone a fuggire dalle proprie case, in aggiunta ai rifugiati già costretti a lasciare le proprie case a causa dei precedenti combattimenti nella regione. [17] Dopo aver respinto un contrattacco governativo mal organizzato e ottenuto ulteriori guadagni, l’M23 ha accettato di ritirarsi da Goma da solo e ha lasciato la città all’inizio di dicembre.

Il 24 febbraio 2013, undici nazioni africane hanno firmato un accordo volto a portare la pace nella regione. Nell’ottobre 2013, il Congo ha dichiarato alle Nazioni Unite che il movimento M23 era praticamente terminato dopo essere stato respinto in una piccola area vicino al Ruanda. Il 7 novembre 2013, a seguito di significative sconfitte a un’offensiva governativa sostenuta dalle Nazioni Unite, le truppe dell’M23 sono entrate in Uganda e si sono arrese.

https://en.wikipedia.org/wiki/M23_rebellion

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.