La Guerra in Ucraina


Sommario delle attività alle 00.00 del 20.11.2022– Oggi 270° giorno di guerra

Chi vincerà in Ucraina? Vincerà chi può mettere in campo le truppe più efficaci per il combattimento, chi può nutrire e fornire a quelle truppe le armi e le munizioni di cui hanno bisogno per combattere e chi può distruggere l’esercito, l’economia e il sistema politico avversari.

Quadro generale: Le forze russe stanno iniziando a rafforzare le loro posizioni nelle oblast’ di Luhansk, Donetsk e Zaporizhia orientale con personale ritirato dall’oblast di Kherson e militari mobilitati. È probabile che le forze russe continueranno a utilizzare militari mobilitati e ridistribuiti per riaccendere le operazioni offensive nell’Oblast’ di Donetsk e mantenere posizioni difensive nell’Oblast’ di Luhansk.

Le forze ucraine hanno continuato le attivitàcontroffensive sulla linea Svatove-Kreminna.

Le forze russe hanno mantenuto l’iniziativaoffensivaintorno a Bakhmut, Avdiivka e ad ovest della città di Donetsk.

Le forze russe hanno continuato gli sforzi per fortificare le aree attorno alle linee di comunicazione nell’Ucraina meridionale mentre lottavano con la parziale perdita dell’uso del ponte sullo stretto di Kerch.

Fazione siloviki: Come è chiaro da tempo, questa è una guerra con tutta la NATO per la futura anima dell’umanità. Il tempo delle mezze misure è finito molto tempo fa. Il messaggio è chiaro: Mosca ha bisogno di svegliarsi e iniziare a trattare seriamente questo conflitto. È diventato evidente anche ai più ottimisti tra noi che una mobilitazione parziale non sarà sufficiente. Dobbiamo parlare con una sola voce per chiedere un ulteriore rafforzamento delle forze alleate. Mosca deve iniziare a prenderlo seriamente come fa l’Occidente. Non c’è tempo per espirare. Non c’è tempo per le feste. Solo la guerra totale o la sconfitta sono un’opzione ora. È ora di sbarazzarsi di ladri e truffatori! È ora di tenere i piedi al fuoco”.

News:

L’Iran ha dato il “via libera” alla produzione di droni d’attacco in Russia. Nel prossimo futuro, i componenti chiave saranno trasferiti in Russia per lanciare la catena di montaggio dei droni iraniani. Fonti del Washington Post notano che la cooperazione tra Iran e Russia sta diventando di natura molto “stretta e profonda”, cosa che non è stata osservata prima. Di fatto, i due paesi hanno raggiunto un nuovo livello di cooperazione e sostegno reciproco. (Washington Post).

“La Russia vuole recuperare le forze”, dice il presidente ucraino. e “la sola fine della guerra non garantisce la pace”. “Qualsiasi concessione della nostra terra o della nostra sovranità non può essere definita pace”, ha aggiunto. Zelensky inoltre, in un discorso trasmesso su Telegram ha promesso che “le forniture elettriche saranno ripristinate”. (ANSA).

Le forze russe hanno bombardato 16 insediamenti nella regione di Zaporizhzhia, danneggiando appartamenti e strutture. Lo scrive l’amministrazione militare dell’oblast su Telegram, riferisce Ukrinform. Secondo il dipartimento principale della polizia nazionale nella regione di Zaporizhzhia, nelle ultime 24 ore gli occupanti hanno bombardato le infrastrutture civili nelle aree di Zaporizhzhia, Zarichne, Chervone, Malynivka, Zaliznychne, Huliaipole, Kamianske, Pavlivka, Mali Shcherbaky, Dorozhnianka, Olhivske, Novoandriivka, Novodanylivka, Poltavka, Mala Tokmachka, Stepnohirsk”, si legge nel rapporto. La polizia ha ricevuto 33 segnalazioni di danni e distruzione di case di cittadini e di infrastrutture a causa dei bombardamenti russi. Ieri notte, i missili russi hanno colpito un impianto industriale a Zaporizhzhia. (ANSA).

Conflitto

Fronte Sloboda, comprende l’area compresa tra Oskil e il fiume Aydar.

  • Direzione Svatove: Le forze ucraine hanno continuato le loro operazioni di controffensiva lungo la linea Svatove-Kreminna il 19 novembre. Le forze russe hanno respinto gli attacchi ucraini nelle direzioni di Chervonopopivka (circa 6 km a nord-ovest di Kreminna) e Ploshchanka (circa 20 km a sud-ovest di Kreminna), Svatove, nell’area di Kuzemivka (circa 13 km a nord-ovest di Svatove). Aspri combattimenti trale forze ucraine e russe sono segnalati a Novoselivka (ovest di Kuzemivka).

Fronte di Siverskyi Donet: comprende Slovyansk, Kramatorsk, eLysychansk.

  • Direzione Lysychansk: Le forze russe hanno tentato di avanzare e prendere nuove posizioni vicino a Bilohorivka, Verkhnokamyanske e Spirne. Tutti gli attacchi sono stati respinti. Continuano pesanti combattimenti per Belogorovka. L’artiglieria russa colpitole postazioni di tiro ucraine a Serebryanka.

Fronte di Bakhmut: comprende le vicinanze di Bakhmut. Continuano i combattimenti a Soledar, Bakhmutske e nella zona di Bakhmut. La situazione, principalmente vicino a Bakhmut, non sembra buona, almeno secondo i soldati ucraini sul campo. Le forze russe mantengono il controllo su Vesela Dolyna, Odradivka, la periferia sud-orientale di Bakhmut. sud-est di Mayorsk, a nord di Horlivka (circa 27 km a sud di Bakhmut) ela parte meridionale dell’autostrada T0513 che inizia a Mayorsk. Le forze russe hanno continuato ad attaccare le posizioni ucraine vicino a Spirne, Verkhnokamianske e Bilohorivka, tutte vicino all’autostrada T1302. Le forze ucraine hanno respinto gli assalti russi a Bilohorivka e Zelenopillya (nord-est di Bakhmut)e Klishchiivka (sud-ovest di Bakhmut).

Fronte Avdiivka: comprende le vicinanze di Avdiivka.Le forze russe hanno il pieno controllo dell’insediamento di Opytne, hanno continuato le attività offensive vicino a Vodyane, Pervomaiske (circa 4 km a nord-ovest di Vodyane) e hanno costretto le forze ucraine a lasciare le loro posizioni alla periferia di Nevelske (circa 7 km a sud-ovest di Vodyane). Le forze ucraine hanno fermato l’avanzata russa su Vodyane (circa 8 km a ovest di Avdiivka).

Fronte di Donetsk: comprende la parte centrale e meridionale dell’Oblast’ di Donetsk.

  • Direzione Donetsk: Le forze russe hanno assunto il controllo espugnando la roccaforte di Basseyn e la parte sudorientale di Nikolskoye. L’area fortificata conquistata consente ai russi di prendere il controllo del fuoco sulla strada di rifornimento da Krasnogovorovka a Pervomayskoye e Avdiivka, nonché di portare un assalto diretto a Nikolskoye. Tutto indica che le forze russe sono riuscite a ottenere il pieno controllo dell’insediamento di Vodyany. I combattimenti rimangono attivi a Marinka, ma non ci sono cambiamenti significativi per nessuna delle due parti. Le forze russe sono riuscite a respingereun altro attacco delle forze ucraine a Novoselovka e Kuzemovka. A ovest di Gorlovka, unità della Milizia popolare della DPR stanno attaccando Mayorsk. Le forze ucraine hanno respinto un attacco russo verso Novomykhailivka e nell’area di Pavlivka.

Fronte di Zaporizhzhia: include l’intero oblast di Zaporizhzhia. Nessun cambiamento a terra nelle ultime 48 ore. Continuano i duelli di artiglieria, le forze russe hanno lavorato su obiettivi a Zaliznichny, Olhovsky, Volnyansk, Gulyaipole e Gulyaipolsky. Le forze ucraine hanno continuato a prendere di mira le risorse militari russe e le aree di concentrazione nelle retrovie dell’Oblast di Zaporizhia, le forze russe hanno intensificato il fuoco di controbatteria. Hanno continuato a colpire con artiglieria, missili e droni kamikaze l’oblast settentrionale di Zaporizhia eOchakiv (Oblast di Mykolaiv,da dove gli ucraini preparano le operazioni contro il Kinburn Spit), Nikopol, Marhanets e Chervonohryhorivka (Dnipropetrovsk).

Fronte di Kalanchak: comprende la riva sinistra del fiume Dnipro a sud di Kherson e Kakhovka. Le forze russe hanno continuato a intraprendere misure difensive tenendole forze fuori dalla portata dell’artiglieria ucraina, e a condurre bombardamenti di artiglieria a est del fiume Dnipro nell’oblast di Kherson. Le forze russe hanno continuato a bombardare le aree sulla riva destra (ovest) del fiume Dnipro, tra cui la città di Kherson, Antonivka, Kozatske e Chronobaivka. Le forze ucraine hanno bombardato Oleshky e Nova Kakhovka sulla riva sinistra del fiume. Le forze russe hanno continuato gli sforzi per fortificare le aree attorno alle linee di comunicazione. A Melitopol continuano a scavare trincee e costruire difese. Questo è dovuto alla continua preoccupazione per il fatto che le forze ucraine si stiano concentrando lungo la linea del fronte dell’Oblast di Zaporizhia per una campagna controffensiva verso Melitopol.

Altre aree occupate dalla Russia:

  • Oblast di Mariupol: Le forze russestanno trasformando Mariupol in un centro logistico militare e zona di transito per le unità in afflusso.
  • Crimea: Gli operai edili hanno completato la riparazione e il restauro delle campate del ponte di Crimea, che sono state distrutte l’8 ottobre 2022. Sono state sostituite quattro campate sul lato destro della carreggiata. La prima e la seconda campata sono già nella posizione di progetto e stanno lavorando ai giunti di dilatazione. Anche la terza e la quarta campata saranno presto abbassate nella posizione di progetto.
  • Mar Nero: NSTR

Guerra navale: NSTR

Guerra aerospaziale: Tra il 18ed il 19novembre le forze russe hanno lanciato alcuni attacchi missilistici:

  • colpita e distrutta la fabbrica Motor Sich. aziende leader nella produzione, manutenzione e rimotorizzazione di attrezzature aeronautiche. La distruzione delle officine creerà problemi per il mantenimento degli aeromobili in condizioni di volo;
  • colpite, in prevalenza con SA-300, aree di concentrazione nelle vicinanze di Krakhmalnoye, Tabaevka, Stelmakhovka, Makeyevka, Donetsk, Avdiivka, Kherson, Chernobaevka, Antonovka e Kachkarovka.

Le forze aeree e le artiglierie russe hanno colpito e distrutto:

  • 9 posti comando vicino a Kislovka, Ivanovka, Krakhmalnoye e Berestovoye (Kharkiv), Serebryanka, Vodyanoye (Donetsk), Stelmakhovka (Lugansk), Vesyoloye e Novoraysk (Kherson);
  • 86 unità di artiglieria;
  • 176 aree di concentrazione di manodopera e materiale militare;
  • 1 radar controbatteria AN / TPQ-50 vicino a Avdeyevka (Donetsk).

La difesa aerea ha abbattuto:

  • 8 UAVs vicino a Goncharovka, Kremennaya e Novokrasnyanka (Lugansk), Novotroitskoye, Maksimovka, Nikolskoye, Olginka e Ugledar (Donetsk).

La VKS: Non pervenuta.

La ricognizione strategica statunitense UAV RQ-4B Global Hawk è di nuovo attiva lungo la costa della Crimea.

Attività nelle aree occupate dalla Russia:

Le autorità di occupazione russe continuano:

  • a lavorare per stabilire il controllo sullo spazio informativo nei territori occupati;
  • gli sforzi per identificare i partigiani ucraini;
  • a lottare per collegare le infrastrutture di base nei territori occupati ai sistemi russi;
  • a ripristinare la viabilità dove necessario.

Force generation:

Aumento di personale militare russo:

  • nell’Oblast di Luhansk, a Krasne e Simeikyne a circa 30 km a sud-est della città di Luhansk (unità aviotrasportate russe). A Novoaidar, a circa 55 km a est di Severodonetsk.
  • nell’area di Mariupol, da 10.000 a 15.000 militari che probabilmente andranno verso la linea del fronte occidentale dell’Oblast’ di Donetsk.
  • nella direzione di Hulyaipole nell’oblast di Zaporizhia orientale.

È probabile che la Russia impegnerà anche ulteriori forze mobilitate nelle prossime settimane, dato che le unità mobilitate della 2a divisione di fucili motorizzati della 1a armata di carri armati hanno terminato il loro addestramento a Brest Oblast, in Bielorussia.

I media russi hanno continuato le discussioni attive su un’imminente seconda ondata di mobilitazione, si parla di altri 300.000 uomini e dell’arrivo di volontari stranieri, grazie alle modifiche di legge apportate di recente da Putin.Il personale mobilitato e i volontari continuano il loro corso di addestramento nella regione di Kaliningrad, in Buriazia e nella Repubblica di Bielorussia, nonché nella zona posteriore dell’operazione militare speciale.

Diverse fonti hanno riferito del movimento di equipaggiamento militare russo a sostegno delle forze mobilitate in arrivo. Le riprese video mostrano le forze russe che scaricano attrezzature pesanti, compresi i carri armati ed artiglieria semovente, dai treni a Bilokurakyne, nell’oblast’ di Luhansk.

Previsioni meteorologiche: Nuvoloso con nevicate nella parte occidentale del paese, nuvoloso con possibilità di piogge nella restante parte del paese. Temperature in rapido calo specie durante l’arco notturno. Limitazioni al movimento tattico e al volo nelle aree colpite da neve e piogge. Probabili limitazioni di visibilità specie in orario notturno.

Guerra dell’informazione: NSTR

Cyber war: Secondo fonti “non confermate” (provenienti dal dark web), la Russia avrebbe dato all’Ucraina un ultimatum. O si torna al tavolo dei negoziati entro la fine di novembre, o l’intero sistema energetico dell’Ucraina sarà distrutto.

Guerra psicologica: Le autorità russe stanno lavorando per stabilire il controllo sullo spazio informativo nei territori occupati.

Guerra elettronica: NSTR

CBRN War: NSTR

Battle Damage Assessment: NSTR

Scambio prigionieri: NSTR

Allargamento del conflitto: NSTR

Aiuti militari: NSTR

Aiuti umanitari: La Russia ha accettato di prolungare di altri 120 giorni l’accordo internazionale che consente l’esportazione di cereali e altri prodotti agricoli dai porti dell’Ucraina attraverso il Mar Nero. L’Onu resta sempre “pienamente impegnata a rimuovere gli ostacoli che impediscono le esportazioni di prodotti agricoli e fertilizzanti della Federazione russa”.

Valutazione sulle negoziazioni: Funzionari statunitensi pensano che l’Ucraina potrebbe negoziare con la Russia. “C’è chiaramente allarme tra gli europei che questo sia l’inizio di un processo che costringerà l’Ucraina ad accettare un accordo”, ha detto un analista. https://www.nbcnews.com/…/russia-ukraine-peace-talks…

Valutazione geo-politica: Il mondo ha assistito allo svolgersi degli eventi in Ucraina con apprensione, sgomento e paura, e l’attacco ha scosso le fondamenta del nostro sistema internazionale di pace e sicurezza. Ha causato una grande crisi umanitaria e sta devastando un’economia globale già fragile, che stava appena riuscendo a riprendersi lentamente dallo sconvolgimento causato dalla pandemia.

La speranza comune, e la priorità assoluta, è la sicurezza di coloro che sono stati direttamente colpiti e un rapido ritorno alla pace e alla stabilità. Ma dal momento che è difficile prevedere una svolta diplomatica o una significativa riduzione dell’escalation militare a breve termine, è probabile che le sanzioni continuino e si espandano. E mentre il conflitto in Ucraina non è l’unica emergenza di sicurezza che il mondo sta affrontando, ha un impatto a causa dell’effetto di vasta portata che sta avendo sulla sicurezza e sulla prosperità globali.https://home.kpmg/…/the-geopolitical-impact-of-the…

Valutazione economica: L’invasione russa in corso in Ucraina continua a infliggere notevoli perdite economiche e sociali a causa di ingenti danni alle risorse produttive e alle infrastrutture, al limitato accesso al mercato e alla dislocazione della forza lavoro. Il PIL dell’Ucraina dovrebbe contrarsi del 35% nel 2022 se lo status quo continuerà fino alla fine dell’anno senza ulteriori shock economici. Una valutazione rapida dei danni e dei bisogni che stimava le esigenze di recupero e ricostruzione dell’Ucraina a 349 miliardi di dollari (al 1 giugno 2022). Tale importo diventerà ancora più grande con il procedere della guerra.https://www.worldbank.org/…/ukraine-recovery-and…

Valutazione sulle infrastrutture strategiche: Ieri il primo treno con motrice diesel ha raggiunto Kherson dopo soli 10 giorni dalla liberazione della città.

Al 22 settembre 2022, l’industria ucraina ha perso oltre 8,1 miliardi di dollari a causa della guerra. 422 fabbriche sono state totalmente o parzialmente distrutte. Le attività dell’industria metalmeccanica di base sono quasi completamente distrutte. Se adottiamo l’approccio del “ricostruire meglio”, è probabile che il costo della ricostruzione di questi asset sia maggiore.https://voxukraine.org/en/war-damage-to-industry-rapid-damage-assessment/

Al 29 ottobre 2022, più di 25.000 km di strade sono state danneggiate in Ucraina, di cui 8.800 km sono strade statali. Inoltre, sono stati distrutti 326 tra ponti e cavalcavia, 140 dei quali su autostrade di importanza nazionale.https://www.promoteukraine.org/ukravtodor-company-damages-to-ukrainian-road-network-caused-by-war-nearing-one-billion/

Al 1 novembre 2022, gli attacchi russi hanno “gravemente danneggiato” circa il 40% dell’intera infrastruttura energetica dell’Ucraina, secondo un comunicato stampa dell’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Le infrastrutture danneggiate includono centrali termoelettriche, centrali termoelettriche e idroelettriche. La mancanza di elettricità in una città, significa non avere acqua, gas, tv ed internet ed altro.https://www.axios.com/2022/11/01/russia-attack-ukraine-energy-infrastructure

Impatto umanitario: I continui attacchi alle infrastrutture energetiche stanno portando a una grave crisi energetica nel Paese, con ripetuti tagli e interruzioni di corrente, anche nella capitale Kiev.

Oltre 165.000 persone nei villaggi riconquistati dall’Ucraina, inclusa la città di Kherson, devono affrontare una grave situazione umanitaria a causa dei danni ingenti e della distruzione delle infrastrutture.https://reliefweb.int/country/ukr16 Nov 2022

Crimini di guerra: NSTR

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2022/08/ukraine-ukrainian-fighting-tactics-endanger-civilians/?te=1&nl=russia-ukraine-war-briefing&emc=edit_ruwb_20220804Crimini di guerra nell’invasione russa dell’Ucraina del 2022 – Wikipedia

Cartografia: Mappa della situazione interattiva : https://newsmap.pl/maps…/1749b359a1f8472b16e0cee3d4bd37a1/

Giampaolo Sordini

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.