La Guerra in Ucraina


Battaglia sul fiume, Mosca perde 1’000 uomini e 50 veicoli

Fallito il tentativo russo di attraversare il fiume Siverskyi Donets: gli ucraini distruggono il ponte galleggiante.

Si accumulano le accuse contro la Russia di crimini di guerra in Ucraina, tra cui il trasferimento forzato di migliaia di persone in “campi di filtraggio”. Dall’inizio della guerra, più di sei milioni di ucraini sono fuggiti dal loro Paese.

La CNN statunitense e la BBC britannica hanno trasmesso giovedì un filmato a circuito chiuso che descrive l’uccisione di due civili ucraini disarmati da parte di soldati russi alla periferia di Kiev il 16 marzo. I soldati li hanno perquisiti prima di allontanarsi lungo un negozio, poi sono tornati indietro e hanno sparato loro alle spalle. Secondo la CNN, l’ufficio del procuratore ucraino sta indagando sull’incidente con l’accusa di crimini di guerra. L’AFP non è stata in grado di verificare in modo indipendente le immagini.

Sul terreno, continuano i combattimenti nel Donbass, dove la Russia sta facendo lenti progressi e sta cercando di prendere “il pieno controllo” delle città di Roubijné e Severodonetsk, secondo la Presidenza ucraina. Kiev ha anche avviato “difficili colloqui” con la Russia per l’evacuazione di 38 soldati ucraini gravemente feriti dai sotterranei dell’acciaieria Azovstal, l’ultima sacca di resistenza ucraina a Mariupol, assediata dalle forze russe. “Stiamo lavorando passo dopo passo”, ha dichiarato il vice primo ministro ucraino Iryna Verechtchuk su Telegram, smentendo la cifra di 500-600 persone avanzata da alcuni media.

Verechtchuk ha dichiarato martedì all’AFP che “più di mille” soldati ucraini, tra cui “centinaia di feriti”, si trovavano ancora nell’enorme complesso di Azovstal, dopo l’evacuazione di tutti i civili avvenuta la settimana scorsa con l’aiuto delle Nazioni Unite.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.