Afghanistan: i talebani minacciano chi non si pentirà di aver collaborato con gli USA


da Agenzia Anbamed

Afghanistan

Il movimento Taliban ha comunicato che non punirà i traduttori che hanno lavorato con le forze statunitensi e della Nato. “Non dovete lasciare il vostro paese, ma per essere perdonati dovete pentirvi. L’emirato islamico, in caso di pentimento, vi tratterà come ogni altro afgano. Chi non si pente è un traditore”. Migliaia di traduttori e assistenti afgani hanno lavorato per le truppe straniere e in passato i Taliban li hanno minacciati di morte. Di conseguenza, il ritiro delle truppe li lascerà senza protezione. La concessione dei visti a queste categorie va a rilento, per questioni burocratiche. In passato, questi lavoratori hanno organizzato diversi sit-in per chiedere la concessione dell’asilo politico nei paesi che li avevano impiegati. All’ambasciata USA a Kabul giacciono 20 mila domande di richiedenti asilo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *