Erdogan chiude le dighe dell’Eufrate


da Farid Adly (Agenzia Anbamed)

Siria. Per la prima volta il livello delle acque dell’Eufrate scende a – 5 metri rispetto alla posizione media stagionale. La causa è la politica di punizione collettiva compiuta dalla Turchia che non rispetta gli accordi per la gestione delle dighe. Il danno economico è enorme soprattutto per la zona autonoma a maggioranza kurda della Federazione del Rojava/Siria del Nord, che ha dovuto limitare la distribuzione dell’elettricità a soli 6 ore al giorno. Il danno all’agricoltura ed alla pastorizia è ancora maggiore, perché in molti tratti il fiume è diventato un piccolo torrente e tutte le strutture per l’irrigazione sono fuori uso.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *